Internet Casa Energia Gas Assicurazioni Tariffe Cellulari Internet Mobile Conti Correnti Conti Deposito TV Prestiti
SosTariffe

Assicurazioni professionali

Sito Web dell'Anno

Le assicurazioni professionali sono coperture specifiche che vanno a coprire i rischi legati allo svolgimento della propria attività. Queste polizze garantiscono la copertura assicurativa della responsabilità civile dei liberi professionisti andando, di fatto, a coprire i danni causati a terzi a seguito di omissioni o errori durante l’erogazione di un determinato servizio professionale da parte del contraente della polizza.

I principali campi d’applicazione delle assicurazioni professionali sono rappresentati dalla copertura dei danni causati da medici, avvocati o periti di vario tipo in relazione ad un’attività professionale erogata a terzi e collegata al proprio campo di attività.

Il settore assicurativo presenta un gran numero di tipologie di assicurazioni professionali. A seconda del settore, infatti, un libero professionista che svolge servizi verso terzi nell’espletamento della propria attività caratteristica può essere obbligato, a seconda della professione, ad attivare una polizza RC professionale che vada a coprire i danni causati a terzi in relazione alla sua attività.

Di fatto, questa particolare tipologia di polizza assicurativa riprende le caratteristiche tipiche delle polizze RC Auto e Moto risultando, per determinare professioni, un elemento necessario per poter espletare la propria attività lavorativa andando ad erogare specifici servizi a terzi.

Per poter attivare un’assicurazione professionale, il libero professionista ha la possibilità di affidarsi al confronto online dei preventivi sfruttando l’apposito strumento di comparazione di SosTariffe.it che illustra le migliori soluzioni, in relazione ad uno specifico campo di attività, disponibili nel settore assicurativo garantendo, inoltre, la possibilità di poter procedere con l’attivazione online al minor prezzo.

 

Area sanitaria

Uno dei principali campi d’applicazione delle polizze RC professionali è rappresentato dall’area sanitaria, un settore che, chiaramente, può presentare conseguenze molto gravi in caso di errore o omissione nello svolgimento di un’attività professionale.

L’erogazione di una prestazione medica, infatti, è uno degli esempi tipici in cui è possibile registrare danni a terzi e, in particolare, all’individuo (il paziente) che richiede una specifica prestazione affidandosi ad un medico libero professionista.

I medici, quindi, sono una delle tipologie di professione che deve richiedere una copertura RC professionale per poter svolgere la propria attività nel settore privato con la certezza di poter contare su di una polizza che vada a garantire la copertura di danni causati a terzi.

Più in generale, nel settore medico rientra anche la categoria dei dentisti e odontoiatri che, operando su di un’area particolare possono causare danni anche molto gravi a seguito di errori o omissioni a chi riceve la prestazione professionale.

Tra le categorie di attività professionali che rientrano nel settore sanitario delle RC professionali troviamo lo psicologo, il fisioterapista e l’infermiere – OSS. Tutte queste categorie devono attivare una copertura RC professionale per poter erogare, liberamente, la propria attività.

 

Area legale

I danni causati nell’erogazione della propria attività professionali possono essere, oltre che di tipo fisico, anche di tipo economico. Tra le categorie che rischiano di dover fare i conti con questo tipo di danno causato a terzi ci sono diverse professioni che rientrano nell’area legale.

L’esempio più indicativo è, chiaramente, quello dell’avvocato. Errori o omissioni durante l’attività professionale di un avvocato possono tradursi in danni anche molto gravi per terzi. Per questa categoria lavorativa, quindi, richiedere l’attivazione di una copertura RC professionale in grado di offrire una tutela assicurativa completa è essenziale.

Nell’area legale delle assicurazioni professionali rientrano, in ogni caso, anche diverse altre tipologie di attività a partire dal commercialista e dal consulente del lavoro. Devono richiedere un’assicurazione professionale anche gli amministratori di condominio.

 

Area vendite e consulenze

La necessità di poter contare su di una valida assicurazione professionale che vada a coprire i danni, di vario tipo, causati a terzi nell’esercizio di una specifica attività lavorativa riguarda anche i liberi professionisti che operano nell’area vendite e consulenze.

In questo settore troviamo gli agenti di commercio, una categoria professionale che copre una vasta gamma di attività e che può ritrovarsi di fronte alla necessità di avere una copertura RC valida che garantisca danni causati a terzi per errori o omissioni.

Nel settore vendite e consulenze delle assicurazioni professionali troviamo anche figure come il mediatore creditizio e il consulente finanziario, categorie che, chiaramente, rischiano di arrecare danni sostanziali a terzi nell’esercizio della propria attività. Tra le figure professionali che hanno la necessità di attivare una copertura RC troviamo anche l’agente immobiliare.

 

Area edile

Il settore tecnico ed ingegneristico è un altro settore in cui le assicurazioni professionali ricoprono un ruolo molto importante. In questo caso, infatti, le categorie che devono fare i conti con la necessità di una copertura assicurativa sono numerose. L’area edile è, quindi, un altro settore in cui le assicurazioni professionali ricoprono un ruolo molto importante.

L’esempio principale è rappresentato da figure come l’ingegnere e l’architetto, categorie che hanno la necessità di un’assicurazione professionale RC che vada a tutelare terzi da eventuali errori o omissioni durante una specifica attività lavorativa correlata al campo d’azione di queste figure professionali.

In quest’area professionale rientrano anche altre tipologie di liberi professionisti a partire dal geometra e dal perito, specializzato in attività edili, che presentano la necessità di attivare una copertura RC.

 

Come funzionano le assicurazioni professionali

La copertura assicurativa di Responsabilità Civile professionale, nota anche come RC professionale, è una specifica assicurativa che va a proteggere il patrimonio e le risorse finanziarie di un libero professionista a seguito dei rischi professionali correlati all’esercizio della propria attività.

Di fatto, una copertura RC professionale va a coprire i danni causati a terzi in caso di errori o omissioni commessi dal libero professionista nello svolgimento della propria attività. La compagnia assicurativa con cui si va ad attivare una polizza RC professionale avrà il compito di tutelare, dal punto di vista economico, il contraente della polizza.

Errori, negligenze e specifiche omissioni nell’attività lavorativa di un libero professionista possono, infatti, generare richieste di risarcimento, di vario tipo e di vario importo, da parte di terzi. Tali richieste possono poi tradursi in un danno economico considerevole per il libero professionista.

Grazie alle polizze RC professionali si potrà contare su di uno strumento in grado di proteggere l’assicurato dal rischio di dover far fronte ad un risarcimento massiccio correlato a danni causati nell’esercizio della propria attività professionale.

La compagnia assicurativa con cui si è attivata l’assicurazione professionale specifica per la propria area di attività andrà a coprire eventuali risarcimenti che il libero professionista si troverà a dover erogare a seguito di errori e omissioni di vario tipo.

Le assicurazioni professionali presentano caratteristiche ben precise che ne descrivono l’effettiva validità. Come molte altre tipologie di assicurazioni, infatti, le polizze RC professionali si caratterizzano per la presenza di un massimale definito contrattualmente. Il massimale è il valore massimo del risarcimento, per singolo danno, che la compagnia erogherà per tutelare il patrimonio dell’assicurato.

Allo stesso modo, tali polizze includono una franchigia, un valore minimo del risarcimento erogabile. Nel caso il danno procurato dal contraente comporti un risarcimento inferiore all’importo della franchigia, la compagnia non erogherà alcun rimborso e sarà compito del libero professionista provvedere alla copertura del danno causato.

In linea generale, all’aumentare del massimale il costo di un’assicurazione professionale tenderà ad aumentare (ogni compagnia segue un rapporto di crescita differente). Allo stesso modo, una copertura RC professionale sarà più costosa al ridursi della franchigia.

In aggiunta alla franchigia troviamo la clausola di scoperto. Si tratta di un importo percentuale (solitamente inferiore al 10%) della somma da erogare che coprire il danno causato che dovrà essere corrisposta direttamente dal professionista. La compagnia assicurativa coprirà solo la parte eccedente lo scoperto sino all’importo del massimale. Chiaramente, al ridursi della clausola di scoperto, il premio della polizza crescerà.

Da notare, inoltre, che molte assicurazioni professionali presentano un’opzione che potrà tornare molto utile al professionista. Si tratta della clausola di retroattività. Grazie a questa clausola, infatti, l’assicurazione copre eventuali danni causati (nell’esercizio dell’attività professionale) prima della stipula della polizza.

A seconda dei casi, la clausola di retroattività copre un arco temporale specifico (solitamente parte da un minimo di un anno ed arriva ad un massimo definito come “retroattività illimitata” senza limiti temporali). Al crescere del periodo di retroattività andrà ad aumentare il premio della polizza.

Un’altra caratteristica molto interessante delle assicurazioni professionali presenti attualmente sul mercato è legata alla validità postuma della copertura. In caso di cessazione di attività (ad esempio per pensionamento) o di cambio attività oppure ancora di decesso del contraente (in questo caso, la copertura è estesa agli eredi), la copertura garantita dalla polizza continuerà ad essere valida e a coprire i danni causati dal professionista durante il periodo di validità della polizza.

In generale, quindi, l’importo del premio effettivo della polizza RC professionale dipenderà da un gran numero di fattori. Gli importi del massimale, della franchigia e dello scoperto giocano un ruolo essenziale nella determinazione del costo della polizza.

Allo stesso modo, a pesare sui costi ci sono anche le altre caratteristiche della polizza (dalla validità postuma alla retroattività). È chiaro, inoltre, che la professione esercitata va ad influenzare, in misura differente, il premio assicurativo.

Un professionista che rientra in una categoria particolarmente “a rischio” potrebbe essere costretto a fare i conti con polizze RC professionali mediamente più elevate rispetto ad un altro professionista che esercita in un campo meno soggetto ad errori. Questo fattore riguarda anche i professionisti che rientrano in una singola categoria (ad esempio un medico specializzato in un settore potrebbe registrare un costo della polizza più elevato rispetto ad un altro medico specializzato in un altro settore).

I fattori da tendere in considerazione nella determinazione del costo di una polizza RC professionale sono molteplici e sono strettamente correlati alle caratteristiche della polizza stessa ed alle coperture assicurative garantite dalla compagnia con cui si va a sottoscrivere il contratto.

 

Per chi sono obbligatorie

Poter contare su di una valida copertura RC professionale è essenziale per poter svolgere la propria attività lavorativa senza intoppi o difficoltà di alcun tipo ed avendo la certezza di poter contare su di una tutela assicurativa completa che vada a proteggere il proprio patrimonio contro eventuali richieste di risarcimento legate ad errori o omissioni del libero professionista.

Come prescritto dalla normativa vigente, l’assicurazione professionale è obbligatoria per tutti i professionisti iscritti ad un Albo. Le uniche eccezioni previste dalla normativa sono rappresentate dai giornalisti e dai medici della Sanità Pubblica che non sono tenuti a dover attivare una polizza RC professionale per poter erogare servizi professionali.

Per le varie categorie per cui è previsto l’obbligo, sarà necessario attivare una copertura RC professionale a prescindere dall’inquadramento del professionista. La polizza professionale, infatti, va attivata anche in caso in cui il professionista iscritto all’albo sia un dipendente o un collaboratore o eserciti senza firmare uno specifico progetto o senza Partita IVA.

La copertura assicurativa deve risultare attiva già dal momento in cui il professionista va ad assumere uno specifico incarico verso il cliente andando così ad assumerne la responsabilità. È il professionista stesso che deve rendere noto al cliente, al momento dell’assunzione dell'incarico professionale, tutti i dettagli relativi alla polizza RC a partire dall’importo del massimale e dalle altre caratteristiche che una copertura professionale presenta.

 

Come attivarle

Per procedere con la sottoscrizione di una polizza RC professionale è possibile affidarsi alla comparazione online dei preventivi disponibile tramite SosTariffe.it che racchiude le proposte per questa specifica tipologia di polizza delle principali compagnie assicurative presenti in Italia. A seconda della categoria professionale, una polizza RC dovrà presentare caratteristiche specifiche andando ad adattarsi alle esigenze del contraente della polizza stessa.

 Per questo motivo, affidarsi alla comparazione online dei preventivi delle assicurazioni professionali consente di individuare, rapidamente e con precisione, la soluzione più idonea per le proprie necessità, sia dal punto di vista della tutela assicurativa che per quanto riguarda i costi che il professionista deve affrontare per poter attivare l’assicurazione stessa.

La scelta della migliore assicurazione professionale, in rapporto alla propria attività, passa, quindi, per un’attenta analisi delle opzioni disponibili sul mercato assicurativo, un fattore da non trascurare al momento della stipula di una polizza RC professionale.

Ultime notizie Assicurazioni